Il mondo è uno solo e le immagini possono accorciare le distanze. Nella sicurezza di uno spazio aperto, seduti in una piazza o in un prato, sotto il bagliore di un cielo stellato la proiezione del docufilm “Las Maletas – La bellezza dei margini” consente di avvicinare luoghi e storie, diventa occasione per viaggiare, incontrare, scoprire prospettive inusuali. 

Basterà volgere lo sguardo un po’ più in su, verso uno schermo che ci trasporterà e ci immergerà, attraverso la presenza costante di un naso rosso, nella dimensione non comune di una missione umanitaria di clownterapia, sempre alla ricerca di quell’istante di magia che stupisce e di un altro mondo ancora possibile.  

  • Proposta destinata a un pubblico di adulti, bambini, famiglie.
  • La proiezione verrà introdotta e commentata dai volontari clown, e sarà animata da piccole incursioni di clownerie e gags; ludo-musica e danze; animazione magica e teatrale.
  • La proposta è volontaristica e gratuita.

Il docu-film “Las Maletas – La bellezza dei margini”

Durata docufilm: 65 minuti

Las Maletas – la bellezza dei margini è un documentario inedito e colorato, leggero ma riflessivo, realizzato da Eso Es OdV per raccontare la propria esperienza clown di volontariato internazionale, con l’obiettivo di portare con delicatezza risate nei posti più remoti e difficoltosi, nei luoghi alle estremità dove adulti e tanti bambini vivono spesso ancora ai margini, fisici e umani, nella loro profonda bellezza. 

Cieli nitidi conditi da nubi soffici, strade di terra e scuole nella polvere. Stretti vicoli di terra che dividono le umili baracche di lamiera arrugginita, costantemente accompagnati dai vulcani come sfondo di ogni paesaggio. I canti che animano le funzioni delle numerose chiese evangeliche presenti, decine di cani randagi, donne in abito tradizionale che camminano tenendo in equilibrio ceste giganti sulla testa o in coda ai lavatoi. Sguardi che ti scrutano e ti accolgono con generosità e decorosa dignità nella loro dimensione più privata.

Nelle scuole, occhi neri e profondi di bambini che urlano di gioia per ogni bolla di sapone che prende il volo, e che non hanno nulla di diverso dai bambini che inseguono le bolle nella nostra “normalità” occidentale, se non fosse che sono nati in un contesto quotidiano che colloca il Guatemala, secondo il Word Food Programme e dati Unicef, come sesta nazione al mondo con il tasso di malnutrizione più elevato (nelle zone rurali ne soffre l’80%), e registra il maggior indice di lavoro infantile dell’America Latina. Secondo le ONG che agiscono sul territorio, quasi 1 milione di bambini tra i 5 e i 14 anni lavora (il 70% dei quali nelle aree rurali del Paese), e il 43% non frequenta la scuola. Paesaggi ricchi di umanità, che incantano gli occhi e riempiono di vita. Un paese unico, il Guatemala, terra lontana del Centro America costellata di tanti colori quanto di tante ombre e contraddizioni dovute alla critica situazione sociale che vive da decenni, narrato attraverso le immagini di una missione di clownterapia, straordinaria esperienza caratterizzata da un naso rosso, piccolo oggetto di plastica capace di far scoprire punti di vista incredibili e aprire portoni su scenari inimmaginabili, spesso complessi quanto privilegiati.

Scheda tecnica e presentazione >  Eso Es OdV_ESO ES CINE